Tutti i corsi a catalogo interaziendali Cegos a partire dal 19 ottobre saranno erogati esclusivamente in modalità Virtual Classroom. Scopri il flusso d’aula.

Millennials@Work: una roadmap di 7 competenze verso il mondo del lavoro

26/04/2017

I Millennials sono la prima generazione che, grazie a internet e alla tecnologia, non ha bisogno di rivolgersi ad una figura autorevole per accedere alle informazioni. Anche per questa ragione sono al centro di studi ed analisi e costituiscono sicuramente la generazione finora più istruita ed ambiziosa; ciononostante devono affrontare molte sfide sul lavoro. Capi e colleghi delle generazioni precedenti spesso non vedono il mondo nello stesso modo dei colleghi più giovani oppure non hanno gli stessi valori.

Sgombriamo il campo dal luogo comune di una generazione indolente e poco disponibile al lavoro. I Millennials hanno voglia di lavorare, sono pieni di immaginazione, istruiti e socialmente responsabili. I loro valori sono la famiglia, gli amici, la realizzazione, la flessibilità e vorrebbero rendere il mondo un posto migliore. Comprendono perfettamente la tecnologia, ma pensano ancora che le relazioni siano importanti. Credono di poter dare un contributo pari (o superiore) a quello delle generazioni precedenti e non hanno paura di cambiare le cose in meglio.

Hanno ereditato un mondo che è il più connesso e il più complesso di qualunque altra epoca storica. Si trovano ad affrontare sfide di ogni tipo: politiche, sociali, ambientali e personali.

Di fronte ad una realtà cosi complessa i giovani Millennials hanno bisogno di una bussola per muoversi nel mondo del lavoro, un contesto nuovo, poco conosciuto e dalle logiche cosi diverse rispetto a scuola e famiglia.

Quali sono gli elementi utili per approcciare nel modo migliore il mondo del lavoro? Quali sono le competenze indispensabili per aiutare i MIllennials a farsi strada tra i vari ostacoli che incontreranno sul lavoro?

Possiamo immaginare una sorta di percorso in 7 tappe.

Roadmap 7 competenze millennials@work

PRIMA TAPPACostruire una relazione
Prendere l’iniziativa nel costruire una relazione lavorativa migliore con il proprio manager, usando uno stile comunicativo adeguato e ascoltando attivamente. Il fattore che incide di più sulla motivazione di un individuo è la relazione con il proprio responsabile.

SECONDA TAPPAChiedere dettagli
Cercare attivamente indicazioni per il lavoro di cui si è responsabili, cercare esempi di lavoro ben fatto. Chiedere dettagli permette di fare un buon lavoro, acquisire sicurezza ed eliminare incertezze.

TERZA TAPPAVedere il quadro generale
Accrescere la consapevolezza organizzativa, chiedere perché esista un determinato processo e identificare il suo impatto sull’organizzazione. Spesso è facile criticare quello che è stato fatto nel passato; i Millennials sono ottimi problem solver, avanzano spesso idee nuove per fare meglio qualcosa, ma prima è meglio che si prendano del tempo per capire perché si faccia in quel modo.

QUARTA TAPPACapire quando concentrarsi
Compensare la capacità di fare più cose contemporaneamente concentrando energia, attenzione ed entusiasmo sui progetti e i risultati più importanti. L’essere multitasking può essere un vantaggio, ma è anche il punto debole di questa generazione.

QUINTA TAPPACercare feedback
Ascoltare attivamente, cercare feedback veri da parte del proprio manager e dei colleghi, evitare di essere sulla difensiva, successivamente pensare alla risposta o al successivo passo da compiere, vedere il feedback come un’opportunità. Non accettare critiche costruttive può allontanare dalle persone, cercare feedback dimostra volontà di imparare e accelera la crescita di carriera.

SESTA TAPPAEssere responsabili
Dimostrare di essere affidabili, assumendosi la paternità dei risultati di cui si è responsabili. Concordare il modo in cui misurare il successo ed evitare di trovare scuse o scaricare colpe.

SETTIMA TAPPARiconoscere il proprio valore
Allineare le proprie capacità e aspettative a quelle dell’organizzazione in modo da dare il giusto contributo per poter ottenere la giusta valorizzazione. I manager spesso si lamentano dei Millennials considerandoli poco realistici nelle loro aspettative per il lavoro che svolgono.

Un percorso che porterà i Millennials – guidati da manager preparati e maturi – non solo a scoprire le proprie potenzialità e talenti, ma a svilupparli in sinergia con l’organizzazione, contribuendo in modo unico ed originale alla sua crescita.

Mario De Luca

Mario De Luca
FranklinCovey Division Director

twitter@madeluc