La professione dell'Inbound Marketer

Chi è l'Inbound Marketer

L'Inbound Marketer (IM) è il responsabile dell'acquisizione di traffico qualificato verso un sito web. L'obiettivo finale è quello di acquisire "lead" ed infine aumentare le vendite sul sito. Deve quindi saper gestire tutte le leve del web marketing (ricerca a pagamento - SEA, ricerca non a pagamento - SEO, e-mailing, affiliazione, display, etc.) per aumentare la visibilità delle pagine del sito sui motori di ricerca, sui siti web e sui social network.

Qual è il suo ruolo

Ad oggi, il problema principale per le aziende con un sito di e-commerce riguarda la sua redditività. L'Inbound Marketer, specialista nella gestione del traffico, interviene per aumentare la visibilità del sito, portare "lead" e soprattutto incrementare le vendite.

Quattro visitatori su dieci (40%) arrivano sul sito aziendale attraverso motori di ricerca, come Google. È quindi essenziale conoscere le ultime novità in materia di Search Engine Optimization (SEO), Search Engine Marketing (SEM) e Social Media Optimization (SMO). Queste tecniche sono essenziali per migliorare la visibilità del sito e il suo posizionamento sui motori di ricerca.

Avrete capito che la missione principale dell'IM è quella di ottimizzare le leve di acquisizione del traffico su un sito al fine di generare "lead" qualificati e incrementare le vendite. I passi da compiere sono diversi.

Quali sono gli obiettivi

Prima di tutto, l'Inbound Marketer deve capire le questioni di indicizzazione naturale e a pagamento. Il suo obiettivo è quello di stabilire una strategia di marketing che sia in grado di aumentare la visibilità del sito web ed il numero di persone che vi "atterrano". Dovrà identificare gli attori, gli strumenti, l'impatto dei motori di ricerca e cosa viene richiesto maggiormente sul web.
Verificherà quindi l'efficienza della SEO (indicizzazione naturale) e quella della SEA (indicizzazione a pagamento) del sito. Sceglierà gli strumenti giusti per controllare l'andamento e l'efficacia delle azioni che ritiene più rilevanti. Infine, confronterà i vantaggi e gli svantaggi della SEM (Search Engine Marketing = SEO + SEA).

La SEO

Successivamente, l'IM lavorerà sulla strategia da implementare riguardo l'indicizzazione naturale. Affinché una strategia sia efficace, è necessario concentrarsi sui target, sui contenuti e sugli obiettivi. Il sito deve anche seguire una strategia editoriale rigorosa. Questo comporta impiegare del tempo nello sviluppo della struttura ad albero delle categorie del sito prima che questo vada online. In seguito, si lavorerà sul campo lessicale e sulla scelta delle parole chiave. L'Inbound Marketer si impegnerà in una fase di analisi dell'efficacia della SEO attuale del sito. Durante questa fase, scoprirà ciò che favorisce o blocca l'indicizzazione e il "crawling" da parte dei motori di ricerca. Un altro suo compito è quello di analizzare la strategia si acquisizione del traffico dei principali concorrenti. Dovrà assicurarsi che il sito sia ottimizzato per la ricerca mobile ed aggiornarsi continuamente riguardo alle ultime novità di Panda, Penguin, Pigeon, Colibri o Phantom.

La SEM

L'IM deve costruire una strategia di link sponsorizzati "SEM" definendo obiettivi, target, un budget e un periodo. Il modello dei link sponsorizzati deve rispettare i criteri prefissati e la pertinenza. Deve poi determinare il piano mediatico SEM, stanziare un budget, procedere con diverse offerte e rendere la sua campagna redditizia. Un'analisi della strategia SEM dei concorrenti è sempre necessaria. Ottimizzerà infine le sinergie tra SEA e SEO.

L'analisi dei dati

L'Inbound Marketer si occupa inoltre dell'analisi dei dati. Misura i risultati, il ritorno sull'investimento (ROI) degli sforzi e delle spese impiegate per raggiungere gli obiettivi. I KPI (indicatori di performance) di SEO e SEA gli permetteranno di misurare l'efficacia delle sue campagne. Dopo aver interpretato i risultati ottenuti dovrà attuare le azioni correttive necessarie.

Le competenze richieste

Le principali competenze richieste per svolgere tale ruolo sono le seguenti:

  • Padronanza del binomio HTML/CSS
  • Padronanza degli strumenti di misurazione
  • Padronanza di Excel
  • Capire quelle che sono le priorità
  • Avere un ottimo spirito di squadra

Lo specialista deve avere diverse competenze tecniche. La padronanza dei linguaggi usati sul web, la gestione del binomio HTML/CSS, la padronanza degli strumenti di misurazione e delle piattaforme di reporting ne rappresentano alcune.
Deve essere inoltre rigoroso e capace di anticipare le nuove tendenze. Deve essere curioso, avere il senso della priorità e soprattutto credere nello spirito di squadra.

La formazione per diventare IM

La maggior parte degli IM ha un background formativo in comunicazione, marketing o IT che va dai 2 ai 5 anni (in Università o in una Business School).

I profili più ricercati per la vestizione del ruolo sono Webmaster, Web Marketers, Digital Marketing Project Managers, SEO Managers, Web Writers e altre professioni di marketing.

Scopri i nostri corsi:

Digital Marketing

Content Marketing

Marketing automation

Corsi consigliati