La professione del Digital Manager

Chi è il Digital Manager?

Il Digital Manager è il responsabile dell'e-reputation di un'azienda. Lavora con il dipartimento di comunicazione e marketing e supporta la direzione nell'implementazione della strategia digitale aziendale.

Qual è il ruolo?

Con l'evoluzione dell’e-commerce sono nate nuove figure lavorative. In origine, il Social Media Strategist era incaricato di curare la reputazione digitale e la corporate awareness sui social media. Oggi questa figura, anche se ancora presente, sta lasciando il posto al ruolo del Digital Manager. Il numero di utenti mobile è in costante aumento. Tablet e smartphone stanno occupando una posizione importante nel crescente territorio digitale. Di conseguenza, la funzione del Digital Marketing and Communication Manager non può più essere limitata ai soli social media. Si occupa di comunicazione, di marketing, di vendita e di relazione con i clienti. Il ruolo del Digital Content Manager è quello di stabilire i contenuti e la digital strategy per promuovere la sua azienda online. È responsabile del follow-up e della gestione operativa di tutti i progetti di comunicazione aziendale.

Quali sono gli obiettivi?

Digital Manager

Il Digital Marketing Manager cosa fa? Vero direttore d'orchestra, il DM lavora insieme ad una squadra. L’obiettivo è quello di migliorare la visibilità dell’azienda sul web. I piani d'azione servono a generare più traffico. Oltre a questo, ottimizza il fatturato aumentando il tasso di conversione. Per raggiungere questo obiettivo, il Manager Digitale analizza i dati e fa scelte strategiche. Stabilisce obiettivi e priorità di breve e lungo termine.

1. Definire il piano d'azione

Il Digital Project Manager deve conoscere perfettamente la politica e la strategia dell'azienda. Deve avere un’ottima conoscenza dei prodotti/servizi offerti, dei clienti e dell'immagine aziendale. Sulla base di queste informazioni, studia le strategie di marketing da adottare per raggiungere gli obiettivi prefissati rispettando il budget assegnato dal dipartimento di marketing.

2. E-mail marketing

Per generare traffico, non c'è niente di meglio che utilizzare il DEM (Direct E-mail Marketing). Questa potente leva di comunicazione consiste nel realizzare una campagna di marketing attraverso la posta elettronica. Questo contribuisce ad aumentare la reputazione di un'azienda garantendo un ROI elevato. Inoltre, si adatta perfettamente a tutti gli strumenti digitali presenti (computer, smartphone, tablet etc.). Optando per questa strategia di comunicazione, l'azienda raggiunge gli utenti internet, desktop e mobile. Per quanto riguarda il design, il Digital Asset Manager, insieme al suo team, definisce il tipo di e-mail da inviare e a quale pubblico target. L'“e-mail di massa”, per esempio, mira a fornire informazioni, mentre l’“e-mail di notifica” è usata per avvisare un utente di un particolare evento di suo probabile interesse.

3. E-CRM

Il Digital Project Manager decide, insieme al suo team interno o a fornitori di servizi esterni, l'implementazione dei digital management tools, come ad esempio l'e-CRM. Con questo strumento, le aziende possono scambiare informazioni in rete con i propri clienti e creare con loro una relazione salda e duratura. Questo permette loro di stabilire un rapporto di fiducia e di determinare quali clienti siano considerati “chiave” per l'azienda. Su quanto rilevato, il DM mette a terra una strategia di content management per fidelizzare i propri clienti. Ha il compito di trovare diversi metodi per mantenere il legame con l'acquirente e conoscerlo sempre meglio (Sms, punti fedeltà, regali di benvenuto etc.). Grazie all'e-CRM, l'azienda ha un profilo di ciascuno dei suoi clienti e conosce il comportamento del suo pubblico.

4. Content marketing

Il Digital Content Manager collabora con il Content Marketing Manager nella creazione di contenuti di marketing ad alto valore aggiunto. Il contenuto deve essere adattato alle esigenze dei clienti e dell'azienda. Nel B2B, il DM dà la priorità a 3 tipi di contenuto di marketing digitale; blog, white paper ed e-book. Sono usati per attrarre e convertire i prospect in clienti effettivi e sono efficaci nel costruire rapporti leali tra partner commerciali.

5. SEM

Il Digital Manager si occupa anche della definizione strategica in termini di SEM (Search Engine Marketing). Questo comprende le varie tecniche che mirano a sfruttare la ricerca di informazioni sul web per ottimizzare la posizione di un sito sui motori di ricerca. In effetti, il sito web è una vera e propria vetrina per l’azienda. Contenuti unici e la prima posizione sul motore di ricerca Google contribuiscono in maniera sostanziale ad incrementare il traffico desktop e mobile.

6. Coordinare i team

Dopo aver definito chiaramente il progetto, il DM supervisiona e guida il proprio team lungo tutto il percorso. Può inoltre lavorare con un Community Manager, un Content Manager, un Copywriter o un Webmaster a seconda delle esigenze del caso. Il Digital Manager ha anche la possibilità di cercare fornitori di servizi che potrebbero essere coinvolti successivamente nella realizzazione del progetto. Monitorando il lavoro del suo team sia interno che esterno, deve costantemente pensare a nuove possibilità di azione per aumentare la visibilità della sua azienda sul web.

Quali sono i requisiti?

  • Ottima conoscenza del web marketing
  • Padronanza degli strumenti digitali
  • Eccellente capacità di espressione scritta e orale
  • Capacità di gestire un team
  • Buone capacità di produzione scritta e orale
  • Conoscenza ed interesse verso ciò che riguarda il design

È importante che un Digital Manager conosca in maniera approfondita l’utilizzo degli strumenti informatici. La maggior parte delle decisioni vengono infatti prese sulla base dei dati analizzati. Deve essere appassionato di tecnologia digitale e tenersi aggiornato riguardo ai progressi tecnologici più recenti. In qualità di Digital Transformation Manager deve essere creativo, curioso ed avere senso dell’estetica. È un buon ascoltatore, non esita ad ascoltare le opinioni altrui e rispetta sempre le scadenze dei progetti. Ha una padronanza completa degli strumenti di marketing e dei vari approcci strategici alla comunicazione online. Padroneggia le principali tecniche di analisi di marketing e conosce i fondamentali dell’advertising. Ha una buona capacità di sintesi e di analisi, conosce le ultime tecniche operative in materia di statistiche e strumenti di comunicazione offline ed ha una perfetta padronanza dei metodi di scrittura per la redazione di file e testi per il web.

Quale formazione occorre?

Per diventare Digital Manager sono apprezzate le doppie lauree in ingegneria informatica o in economia (o marketing). L'accesso a questa posizione si ottiene dopo due o tre anni di esperienza maturata nel campo dei social network. I profili più ricercati ed indicati a svolgere tale professione sono spesso Web Project Manager, Digital Communication Manager e Digital Marketing Manager.
Vuoi diventare un Digital Manager? Aspiri a ricoprire il ruolo e hai bisogno di una specifica formazione? Scopri la nostra offerta formativa e stai al passo con gli sviluppi più recenti che impattano sulla recente trasformazione digitale.

Corsi consigliati