Responsabilità Sociale d'Impresa: impegnarsi per aumentarla

05/12/2023
CSR Barometer 2023

Ogni anno, Cegos conduce un'indagine "Barometro", in cui si misura la temperatura del settore della formazione per vedere cosa è caldo e cosa no tra la comunità aziendale globale. Quest'anno l'indagine si è concentrata sul tema della Responsabilità sociale d'impresa (CSR).

Definita dalla Commissione europea come: "il contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile", implica "l'integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali e ambientali nelle loro operazioni commerciali e nella loro interazione con le parti interessate". L'obiettivo è che le organizzazioni abbiano un impatto positivo sulla società, pur rimanendo economicamente efficienti.

Per l'indagine 2023 abbiamo intervistato 3.802 dipendenti internazionali e 556 CSR manager in sei paesi europei (Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Portogallo e Spagna), Singapore e Brasile.


Lo scopo di questo Barometro è triplice:

  • capire come i dipendenti percepiscono le sfide della CSR
  • identificare gli stakeholder coinvolti nell'approccio della loro organizzazione
  • analizzare gli impegni e le azioni in questo settore

I risultati

Dall'indagine emergono tre temi principali:

1) L'impegno per la CSR è solo a metà

Negli ultimi anni la visibilità della responsabilità sociale d'impresa è aumentata, grazie a certificazioni formali come la BCorp e agli sforzi dell'UE per regolamentare le disposizioni in materia di CSR. In effetti, l'85% dei dipendenti e il 98% dei dirigenti ritengono che la CSR sia una questione importante per le aziende.

Detto questo, sembra che la CSR sia poco compresa dai dipendenti. Il 73% dei dipendenti ha dichiarato di conoscere il concetto di CSR, ma il 46% di loro non ne conosce il significato.

È interessante notare che la consapevolezza è significativamente maggiore tra i dirigenti rispetto ai dipendenti. Questo suggerisce che le funzioni di CSR devono aumentarne la visibilità. Il 37% degli intervistati non sa se la propria azienda abbia o meno una politica di responsabilità sociale d'impresa.

D'altro canto, la CSR è vista come un veicolo di mobilitazione, motivazione professionale e fiducia nel futuro.

Sebbene la CSR stia emergendo come un grande motivatore per i dipendenti in cerca di un senso di scopo, più della metà dei dipendenti è a malapena coinvolta. Il 22% viene informato sulle politiche di CSR senza essere direttamente coinvolto, mentre il 32% non si sente particolarmente coinvolto, soprattutto tra i dipendenti di mezza età.

D'altro canto, la CSR è vista come un veicolo di mobilitazione, motivazione professionale e fiducia nel futuro.


2) Le organizzazioni dovrebbero impegnarsi di più per soddisfare le aspettative interne sulla CSR

Nonostante l'impegno nei confronti della CSR sia ormai ampiamente riconosciuto, deve essere intensificato per rispondere alle sfide odierne e diventare più efficace.

La buona notizia è che il 77% dei dipendenti e dei responsabili della CSR riconosce oggi il sincero impegno della propria azienda nei confronti della CSR, rispetto al 23% che la considera una misura di PR.

Tuttavia, il 33% dei dipendenti e il 21% dei responsabili CSR considerano l'impegno "forzato". Principalmente come risposta a requisiti normativi inevitabili, a una necessità economica o a un vantaggio per le assunzioni.

Il 55% dei dipendenti si aspetta che la propria azienda si impegni maggiormente per affrontare le principali sfide globali del nostro tempo: cambiamento climatico, diversità e inclusione, energia pulita, ecc. È interessante notare che del 33% che ritiene che l'impegno della propria organizzazione sia al livello giusto, i manager CSR e i dipendenti più giovani hanno una visione più positiva.



3) Maggiore formazione e migliore comunicazione per aumentare l'efficacia delle politiche di CSR

La scarsa comunicazione sulle politiche di CSR all'interno delle aziende sembra avere un impatto negativo sulla loro efficacia. I dipendenti affermano di non essere adeguatamente informati sull'approccio della loro azienda, con un punteggio medio di 5,7 su 10. Tuttavia, questa opinione non è condivisa dai responsabili CSR, che valutano il livello di informazione disponibile per i dipendenti pari a 8!

Anche sulla formazione in materia di CSR le percezioni sono diverse. L'82% dei responsabili CSR dichiara che la propria organizzazione offre questo tipo di formazione. Solo il 38% dei dipendenti afferma di esserne a conoscenza.

Questa discrepanza è ancora più forte tra i dipendenti di età compresa tra i 46 e i 60 anni e tra i non dirigenti. Dovuta forse allo scarso coinvolgimento dei manager diretti che dovrebbero supervisionare la formazione sulla CSR dei loro team.

Il catalogo dei corsi di formazione sulla responsabilità sociale d'impresa proposti dalle aziende si concentra su due temi principali: la salute, la sicurezza e la qualità della vita sul lavoro da un lato, e l'ambiente dall'altro.

Tra i primi 5 corsi di formazione dichiarati in programma figurano:

  • la gestione del rischio psicosociale (25%)
  • la transizione energetica (23%)
  • l'etica aziendale (21%)
  • la rendicontazione degli indicatori CSR/ESG (19%)
  • la sensibilizzazione sui fondamenti della CSR (19%),

Per migliorare l'efficacia della politica di responsabilità sociale d'impresa, oltre il 75% dei dipendenti ritiene che la propria organizzazione dovrebbe istituire corsi di formazione specifici a tutti i livelli. Sono favorevoli alla formazione dei dirigenti (80%), dei manager locali (79%), dei dipendenti (78%) e di ogni linea di business (76%).

"Questo barometro dimostra che i dipendenti - indifferentemente dal loro paese, professione o età - sono ormai consapevoli delle grandi sfide che le aziende devono affrontare in termini di sviluppo sostenibile," afferma Benoit Felix, Presidente del Gruppo Cegos. "Considerano legittime le iniziative di responsabilità sociale delle loro organizzazioni, ma non sufficienti per affrontare tali sfide, e si aspettano un supporto pratico sulle modalità per raggiungere una performance responsabile."

"La formazione è un motore straordinario. Noi di Cegos siamo in prima linea, aiutando i clienti a sensibilizzarli alla CSR e aiutando i manager a supportare tutti coloro che hanno a che fare con l'impatto della CSR nella loro vita quotidiana". Ancora una volta, la rivoluzione delle pratiche si baserà sullo sviluppo delle competenze!".


Per ricevere i risultati dello studio con i relativi commenti, compilare il modulo sottostante:

Desideri rimanere aggiornato su contenuti, iniziative, eventi e corsi in partenza attraverso la newsletter Cegos?

Risultati dei precedenti studi Cegos