Fino al 31 agosto tutti i corsi in aula sono disponibili esclusivamente online in edizione Virtual Classroom. Scopri il flusso d’aula.

La professione del Coach Professionista

Coach professionista

Chi è il Coach Professionista?

In qualità di allenatore, un Coach professionista (CP) ha il compito di accompagnare ed assistere il suo cliente per un certo periodo di tempo, ovvero fino a quando non sarà in grado di trovare da solo le risposte per raggiungere gli obiettivi desiderati. Apre il campo a maggiori possibilità, permettendogli di dare uno sguardo diverso e nuovo a ciò che gli impedisce di evolversi, capire quali siano gli ostacoli e risolvere le sue difficoltà.

Qual è il suo ruolo?

Il ruolo del Coach professionista è quello di accompagnare una persona, una squadra o un'organizzazione durante un periodo di tempo ben definito. Aiuta l’assistito nel raggiungimento del suo obiettivo, senza decidere per lui. È un facilitatore.

Accompagnandolo verso una migliore conoscenza di sé stesso, egli sarà in grado di progredire più rapidamente, concentrandosi su scelte e priorità.

Il ruolo di un Coach professionista è simile a quello di un allenatore. Deve puntare a rafforzare il potenziale, la motivazione e le risorse di ogni individuo che allena, facendogli comprendere quando mobilitare le giuste risorse a seconda dell'obiettivo.

Durante tutte le sessioni di coaching, il coach si affida al talento e ai valori dei coachee per consentire loro di rivelare tutte le risorse utili. I coachee trovano così in loro stessi, con l'aiuto dell'allenatore, i mezzi per raggiungere obiettivi che sembravano loro inaccessibili.

Le categorie del coaching professionale

L'obiettivo del coaching professionale è, per un periodo di tempo delimitato, quello di migliorare la conoscenza che un individuo ha di sé, affinché possa sbloccare alcuni freni e ottimizzare le proprie prestazioni, progredendo così più rapidamente verso il raggiungimento dei propri obiettivi.

Il coach professionista aiuta il coachee quando né quest’ultimo né il suo manager riescono a risolvere una determinata situazione. Si tratta di una risorsa esterna che funge da sviluppatore e acceleratore.

Coaching individuale

L'obiettivo è quello di aiutare una persona a trovare dentro di sé le risorse necessarie per raggiungere il suo obiettivo. Si tratta di coaching per i leader - manager, responsabili di progetto, responsabili della trasformazione – che devono essere in grado di dare alla propria azienda un orientamento rilevante, guidare i team con efficienza ed entusiasmo, esercitare le proprie responsabilità in modo efficace, ristabilire situazioni manageriali difficili o addirittura riorientare le proprie carriere. L'allenatore li accompagna per stimolare il loro spirito riflessivo e la loro creatività, al fine di massimizzare il loro potenziale personale e professionale.

Coaching collettivo

Il coaching collettivo si applica a team operativi, aziendali o interfunzionali. L'allenatore accompagna la squadra per renderla consapevole del funzionamento di un gruppo. L’aiuta ad identificare ed evitare tutto ciò che è inutile e controproducente. Si assicura, inoltre, che la forza del leader e il potenziale di ogni membro che compone il team siano combinati per ottimizzare l'efficienza del gruppo. Mira a promuovere un sistema di interazione, coesione, spirito di squadra e buon clima di lavoro.

Coaching organizzativo

Il coaching organizzativo combina diverse posizioni: coaching dell'intero ecosistema del cliente con la creazione di un comitato direttivo (COPIL) durante l'intero processo. Può anche fare riferimento sia al coaching collettivo, che comprende i team di gestione, i team dei progetti di innovazione e i team aziendali, che al coaching dei leader e degli attori della trasformazione interna ed esterna. Per supportare l'evoluzione di un'organizzazione, il coach si affida principalmente all'arte della relazione, che permette ad una persona di realizzare i suoi progetti trasformando, se necessario, le sue capacità e le sue attitudini.

Quali sono gli obiettivi che il Coach Professionista deve conseguire?

La missione principale di un Coaching professionista è la stessa di un allenatore. Pertanto, all'inizio il primo passo coincide con la creazione di un'alleanza con il coachee per instaurare un clima di fiducia, essenziale affinché un processo di coaching risulti essere efficace. Si rivelerà un sostegno incoraggiante per il coachee, confrontandosi positivamente con lui di fronte alle sue incoerenze. Lo supporterà ad esempio nella preparazione di un colloquio di valutazione o nella definizione di un riorientamento professionale. Sarà vigile nel gestire il tempo e i progressi durante l'intero processo di coaching.

Il supporto del coach professionista deve aiutare il coachee ad assumersi dei rischi, ad affermarsi e ad accedere alle sue risorse. Gli permette di ottimizzare la sua autonomia, di fare le scelte giuste, acquisire coerenza per agire e vivere relazioni costruttive piuttosto che negative.

Le altre mansioni del CP consistono nell'aiutare il coachee ad affrontare serenamente la gestione dei conflitti, nello sviluppare la sua leadership, affinché possa guidare bene la propria squadra e fornire il contributo in termini di risultati che l’azienda si aspetta da lui e nel trovare il giusto equilibrio tra vita privata e professionale.

Quali sono i requisiti per diventare Coach Professionista?

Per diventare un Coach professionista è necessario sviluppare un certo numero di capacità o abilità comportamentali e relazionali.

Tra queste: forte empatia, creare un solido rapporto di fiducia, saper porre le giuste domande, ascoltare e ascoltare le risposte e le cose non dette del cliente, "vedere" le potenzialità del coachee ed aiutarlo a prendere coscienza di quelle che potrebbero essergli utili, non giudicare.

Grazie ad una buona conoscenza di sé, mantiene un alto livello di lucidità per decifrare il contesto e la situazione del coachee ma anche per contrastare i classici giochi psicologici che potrebbero sorgere.

Deve anche essere in grado di accogliere e accompagnare il coachee in periodi difficili o addirittura dolorosi: cambiamenti, sviluppi di carriera, dubbi, stress, blocchi...

È interessante sapere quali tipi di individui ad oggi aderiscono ai corsi di formazione professionale.

Si distinguono tre profili:

  • consulenti o formatori che desiderano ampliare il loro bagaglio di conoscenze;
  • persone in fase di riqualificazione che desiderano fare del coaching professionale una delle loro attività o anche la loro attività principale;
  • dipendenti appartenenti al dipartimento HR che vogliono impostare internamente il coaching.

Si possono trovare anche venditori e manager.

Quale formazione occorre?

Ad oggi non esiste ancora una legislazione che disciplini l'esercizio della professione di Coach professionista, per cui il suo svolgimento appare complesso. Richiede una formazione nella professione, per acquisire conoscenze, strumenti, tecniche e per fare un vero e proprio lavoro su sé stessi e sui propri comportamenti relazionali.

Il coaching è una professione che si basa molto più sul know-how e sulle capacità interpersonali che sulle conoscenze teoriche.

Continuità della formazione

Essendo egli stesso il suo principale strumento di lavoro, il CP deve continuamente e regolarmente formarsi.

Deve anche essere supervisionato, cioè deve lavorare individualmente o in gruppo sulla sua pratica di coaching per approfondirla e svilupparla.

In media un allenatore professionista viene addestrato in tutti i tipi di tecniche ogni due/tre anni.

Noi di Cegos possiamo offrire la formazione adatta per padroneggiare le competenze necessarie per diventare un Coach Professionista.

Corsi consigliati