Come guidare l’azienda verso un approccio “agile”?

change management agile

Apportare un consistente ed efficace cambiamento all’interno dell’azienda è una mossa essenziale affinché i team possano adottare più rapidamente nuovi strumenti, ruoli o posizioni. Ora sempre più progetti vengono infatti eseguiti secondo approcci agile e non si basano più su metodologie tradizionali “waterfall” o “V-model” come accadeva nel passato.

Differenze tra Tradizionale e Agile

  • Nell’approccio tradizionale il risultato finale è fisso e limita la realizzazione del progetto in termini di investimenti e scadenze. Infatti, nel Project Management tradizionale il progetto viene prima di tutto pianificato in tutti i suoi dettagli, soprattutto per quanto concerne i costi e i tempi.
  • Nell’approccio agile il progetto è vincolato da costi e scadenze e assoggetta ad essi il risultato finale, che ha come obiettivo principale quello di consegnare prodotti che soddisfino i requisiti del cliente. Tale processo è iterativo: piuttosto che trattare 10 task in una sola volta, si focalizza innanzitutto sul più importante, che rappresenta l’oggetto della prima iterazione, poi sul secondo e così via in ordine di priorità.

Project Management Agile – metodologia Scrum

Prendiamo in considerazione i progetti agile “Scrum”, la metodologia ad oggi più popolare. L’approccio Scrum garantisce la trasparenza delle comunicazioni e attribuisce potere e responsabilità ai team, focalizzando la propria attenzione sulle esigenze del cliente e puntando ad una delivery costante di valore.

Tale approccio permette di essere sempre in contatto diretto e immediato con tutte le persone coinvolte nel progetto, conoscere il loro comportamento e le loro idee, invece di limitarsi ad immaginare quali saranno le loro necessità future.

L’organizzazione delle tipologie di progetti agile Scrum è basata sulla divisione del progetto in cicli rapidi e concentrati di lavoro, detti “Sprint. Negli Sprint (che durano dalle 2 alle 4 settimane) vengono allocati alcuni dei task presenti nel Backlog (ovvero la lista totale dei task di un determinato progetto), secondo un ordine di priorità (Sprint Backlog).

Figure chiave dello Scrum

  • Lo Scrum Master aiuta il team a focalizzarsi sulle attività da attuare, mantenendo l’allineamento ai flussi di lavoro.
  • Il Product Owner rappresenta gli interessi del cliente o degli interlocutori esterni nei confronti dello Scrum Master e del Team di lavoro. Il suo ruolo è essenziale in quanto permette di considerare sempre i due punti di vista (del Team e dei clienti) e garantire il loro equilibrio.

Agile e Change Management

Concretamente, all’interno del contesto appena descritto, come favorire e accompagnare il processo di cambiamento? In che modo l’approccio agile può aiutare a integrare e armonizzare le fasi di supporto e apprendimento con quelle di produzione?

Scopri l’approccio dei nostri esperti per aiutarti a realizzare un vero “Sprint” verso il cambiamento con infografica Cegos.

Scarica l’infografica in PDF.

Per maggiori informazioni sul tema, scarica l’Handbook 2018: “Learning & Development – decodificare il futuro“.