I corsi in aula sono disponibili anche online Scopri il flusso d’aula.

La professione del Consulente Organizzativo

la professione del consulente organizzativo

Chi è il Consulente Organizzativo?

Molte aziende ad un certo punto si trovano ad affrontare situazioni difficili. Tuttavia, non tutte hanno la possibilità di trovare soluzioni adeguate. In caso di problemi organizzativi o gestionali, queste società possono avvalersi di un Consulente Organizzativo.

Questo professionista supporta l'azienda nell'implementazione della sua strategia specifica indirizzandola verso raccomandazioni e strade volte a migliorare le performance. In altre parole, consiglia e supporta i leader dell'azienda nell'implementazione di strategie legate all'adattamento, alla gestione del cambiamento e alla trasformazione.

Il Consulente Organizzativo, elemento chiave nel settore della consulenza, ha molte frecce al suo arco, che vanno dal digitale alle risorse umane, compreso il marketing.

Qual è il suo ruolo?

Questo professionista contribuisce direttamente all'organizzazione del lavoro dell'azienda, per questo può anche gestire un dipartimento e coordinare l'attività di un team. Dopo una serie di studi e analisi da lui meticolosamente eseguiti, lavora per sviluppare schemi organizzativi che rispondano alle esigenze e ai vincoli dell'azienda cliente.

Grazie ad una prospettiva esterna, il consulente organizzativo può fornire soluzioni personalizzate alle problematiche riscontrate dall'azienda. È chiamato a confrontarsi con il maggior numero possibile di stakeholder per rilevare l'esistenza di tensioni o divergenze di opinione. Può anche chiamare parti interessate esterne per aiutare a risolvere il problema che deve affrontare l'azienda.

Quali sono gli obiettivi che il Consulente Organizzativo deve conseguire?

Durante tutto il suo intervento, il consulente organizzativo rimane al fianco delle aziende. I compiti che lo attendono, infatti, lo porteranno ad agire in contesti difficili e talvolta con scadenze strettissime. È richiesta anche propensione alla mobilità.

Oltre alla soddisfazione del cliente, il Consulente Organizzativo dovrà anche familiarizzare con la vita e le abitudini aziendali svolgendo un gran numero di lavori interni. Affinché ogni membro della squadra lavori al meglio, potrà occuparsi direttamente della formazione interna.

Lo studio e la diagnosi

Si tratta del compito più cruciale per qualsiasi consulente: la fase di osservazione. Deve risalire alle cause dei problemi organizzando colloqui e attraverso la sua esperienza professionale e l'applicazione dei metodi specifici, condurrà una diagnosi dettagliata.

L'implementazione di una soluzione adeguata

Il Consulente Organizzativo può aiutare le aziende nell'implementazione di nuove soluzioni come applicazioni software o processi gestionali.

Le fasi consistono nell'analisi degli obiettivi, delle esigenze dell'azienda, dei vincoli e degli obiettivi del mercato; successivamente nell'offerta di un piano di implementazione della soluzione e nell'organizzazione di test. Durante questi processi, l'Amministratore Delegato rimane in una posizione indipendente per mantenere equilibrati i rapporti.

Direzione e definizione di un progetto, programma o portfolio di progetti

Attraverso un approccio collaborativo, l'azienda può raggiungere gli obiettivi prefissati senza eccessive difficoltà. Il Consulente Organizzativo si occupa di garantire l’implementazione dei metodi più appropriati e si assicura che la qualità prodotta sia al massimo livello. Dovrebbe inoltre garantire che sponsor e stakeholders abbiano una visibilità ad hoc, nonché vari mezzi per prendere decisioni informate ottimizzando il programma e le risorse assegnate.

Il Consulente Organizzativo supporta così i progetti di trasformazione, dal framing al pilotaggio.

Il piano generale

Il master plan permette una visualizzazione funzionale del programma dell'azienda. Consente l'implementazione di soluzioni funzionali, tecniche organizzative compatibili con la strategia di quest'ultima. Il successo di questa fase dipende dall'anticipazione dei vincoli dell'azienda in termini di costi e pianificazione oltre che dei mezzi a disposizione.

Cambio gestione

Spesso è difficile implementare nuovi progetti all'interno dell'azienda senza che ci siano resistenze. Ove appropriato, serve implementare unchange managementefficace per facilitare l'accettazione dei cambiamenti da parte delle persone coinvolte.

Il Consulente Organizzativo aiuta quindi i team a familiarizzare con il processo di integrazione di nuove soluzioni e processi. Il change management, per così dire, attraversa diverse fasi: l'istituzione di un sistema in continua evoluzione, lo sviluppo della comunicazione operativa quotidiana, l'implementazione di indagini di clima al fine di individuare aree di miglioramento tenendo conto dei contributi dei diversi attori.

Operatività ottimale

A garanzia della sostenibilità e della competitività dell'azienda, è indispensabile che le operazioni siano ottimali. L'obiettivo principale del Consulente Organizzativo è la soddisfazione del cliente, per cui deve garantire che il capitale impiegato e i costi siano ottimizzati durante la valutazione dei rischi attraverso l'ottimizzazione dei processi, un'organizzazione appropriata e l’impiego di strumenti efficienti che consentano di rispondere alle sfide strategiche.

In ambito bancario e assicurativo, ad esempio, il consulente organizzativo gestisce i rapporti con i clienti e la gestione multicanale. Nell'industria, si occupa di acquisti, finanza, produzione, trasporti, logistica, industrializzazione, ecc. In modo trasversale, può lavorare anche con i Sistemi Informativi ITC.

Quali sono i requisiti per diventare Consulente Organizzativo?

Il consulente organizzativo, oltre alle sue evidenti competenze di sintesi e di analisi, deve possedere anche uno spiccato senso relazionale e grande capacità di adattamento ed empatia.

Di tanto in tanto, il Consulente Organizzativo indossa l’abito dello psicologo, entrando in modalità “ascolto attivo” per aiutare i membri del team a sentirsi bene con se stessi. Deve poi essere di natura curiosa per poter trovare facilmente il suo posto all'interno della struttura in cui pratica.

Si tratta di una figura da negoziatore che interviene a tutti i livelli: tra management e dipendenti, tra cliente e stakeholders, ecc. Deve anche avere un buon istinto commerciale: può essere visto come un venditore alla ricerca di opportunità dove fornire supporto. Si occupa quindi anche di redigere documenti e offerte commerciali.

Per avere successo nel lavoro, il Consulente Organizzativo deve essere rigoroso e resistente allo stress, con spiccate capacità orali e scritte.

Come diventare Consulente Organizzativo?

Istruzione e formazione

La professione di Consulente Organizzativo è un riflesso della salute dell'economia in cui si opera. Se sta andando bene, ci possono essere molte opportunità e ottime prospettive. Le grandi aziende non esitano a contattare questi professionisti per chiedere il loro aiuto.

Per diventare un Consulente Organizzativo non c'è un diploma specifico. Tuttavia, occorre un certo livello di esperienza e studi universitari (economici, ingegneristici, studi politici o delle scienze sociali). La doppia formazione è fortemente raccomandata (laurea + master).

I  master professionali, offerti da diverse l'università, permettono di specializzarsi in un campo particolare come diritto sociale, psicologia del lavoro o risorse umane. Si può inoltre seguire un corso professionale con noi, attraverso un percorso personalizzato.

Possibilità di crescita

La professione di Consulente Organizzativo può essere autonoma oppure, esternamente, può essere esercitata all'interno di società consulenza.

Internamente, un Consulente Organizzativo può aspirare a una posizione di Amministratore Delegato o Dirigente.

Corsi consigliati