Corso \ WebCode 2.3.20

Corso - Train the trainer: la gestione dell’aula

Value Training: conoscere le tecniche di animazione, gestire il gruppo, favorire l'apprendimento

  • Presenziale
  • Fondamenti
Scarica il pdf
Open
PACKAGED
Customized
Corso a catalogo - Reference : 2.3.20
Durata : 1 giorno ( 8 Ore)

Quota d'iscrizione
890,00 € +IVA

Sede
Data
Iscriviti

Realizza questo corso in azienda : 2.3.20
Durata : 1 giorno ( 8 Ore)

Formazione customizzata

Sei interessato all'argomento?
Progettiamo un training personalizzato nella tua azienda.

Condividi questo corso

Partendo dai principi del “Design training”, focalizzati sulla massima efficacia della progettazione e microprogettazione formativa, è possibile approcciarsi con incisività alla gestione dell’aula e all’erogazione di un corso presenziale.

Per chi

A Chi è rivolto? ?

  • Formatori aziendali che desiderano migliorare e consolidare le tecniche di conduzione di corsi, percorsi e progetti di training ad alto valore aggiunto (“value training”)
  • Formatori occasionali orientati a fornire alle proprie sessioni di training il più alto impatto creativo e operativo
  • Manager della formazione che vogliono acquisire le competenze utili per intervenire in aula
Programma

Programma del corso

Conduzione e animazione di un intervento formativo

  • La “regia della formazione” come stendere una microprogettazione formativa integrando obiettivi didattici, contenuti, metodi e gestione del tempo
  • Come aprire un seminario: tecniche di icebreaker adattabili alle varie tipologie di audience
  • Alternare i tool didattici per sollecitare ogni stile di apprendimento: quiz, brainstorming, role play, casi di studio, problem solving, giochi psicologici e creativi, esperienze applicata agli argomenti e al target
  • Utilizzare il supporto della tecnica dei “messaggi chiave” per rafforzare le sequenze di training. L’approccio CMD (comprensibile, motivante, didattico)
  • Saper gestire con accortezza interruzioni, domande ed obiezioni durante le varie fasi di formazione
  • I metodi per far fronte alla stanchezza fisica e psicologica dei partecipanti
  • Chiudere la formazione indicando strumenti che favoriscano l’applicazione futura
  • La corretta somministrazione degli strumenti di valutazione: prove, questionari e simulazioni

La potenza descrittiva del formatore

  • Saper utilizzare diversi stili di formazione per “arrivare” ad ogni tipologia di partecipante
  • La scelta del lessico e di artifici stilistici per favorire adesione e persuasione (aneddoti, esempi, metafore, quotes, video,…..)
  • La cura del body language e della voce con tutte le sue caratterizzazioni

Il rapporto con il gruppo di apprendimento

  • Principi basilari dello sviluppo di un gruppo formativo: il modo migliore per facilitare l’evoluzione del gruppo ai fini di un apprendimento attivo
  • Cogliere eventuali resistenze al cambiamento suscitato dalla formazione
  • Saper identificare i comportamenti reattivi ed apprendere come integrarli
  • Come affrontare le situazioni tipicamente ‘borderline’ e conflittuali

Introduzione alle nuove tecnologie formative

  • Apprendimento in presenza, apprendimento a distanza, apprendimento autonomo
  • Introdurre lo strumento digitale nell’ottica evolutiva del “value training” abbinato allo sviluppo tecnologico. Le soluzioni blended adatte a determinati progetti formativi
  • L’empatia tecnologica del trainer
  • Allineamento fra l’apprendimento delle vecchie generazioni e quello delle generazioni digitali
Obiettivi

Obiettivi del corso

  • Comprendere come progettare la conduzione di un gruppo di apprendimento
  • Imparare a scegliere le tecniche adeguate al progetto formativo
  • Sviluppare le capacità di base per la gestione di gruppi di formazione presenziale
  • Sviluppare la capacità di gestione di eventuali casi limite ed imprevisti
  • Conoscere quali sono i metodi formativi non presenziali
Punti distintivi

I punti di forza del corso

In base alle caratteristiche del gruppo di partecipanti potranno essere proposte diverse esercitazioni, tra cui:

  • Riflessioni su autocasi e sull’esperienza come formatore
  • Autodiagnosi sugli stili di trainership/animazione
  • Lavoro di gruppo per il miglioramento della capacità di comunicazione
  • Simulazione di animazione di un modulo didattico
  • Project work individuale